[Detrazione per abbonamento ai mezzi pubblici: cosa, chi, come]

DETRAZIONE ABBONAMENTI MEZZI PUBBLICI – COSA E CHI
Mezzi pubblici detrazione

L’Art. 1, c. 28, della Legge di Bilancio 2018 ha reintrodotto la detrazione IRPEF del 19% sulle spese sostenute, anche nell’interesse dei soggetti a carico, per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale per un importo non superiore a € 250 all’anno

Quindi per il 2018 si ha la possibilità di ottenere un vantaggio fiscale massimo di € 47,5 in dichiarazione dei redditi.

La detrazione interesserà le spese sostenute per abbonamenti e non per biglietti di singola tratta.

La nuova norma prevede anche che le somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro alla generalità o a categorie di dipendenti, o le spese sostenute direttamente dal datore di lavoro, volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale, per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei suoi familiari, non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente.

DETRAZIONE ABBONAMENTI MEZZI PUBBLICI – COME Tram detrazione

1. Indicare le spese sostenute in dichiarazione dei redditi;

2. Conservare ed eventualmente esibire i documenti comprovanti la spesa per gli abbonamenti;

3. Principio di cassa: la spesa deve essere sostenuta nel 2018.

*****

Grazie per la lettura.
FLT