Assunzioni 2017: agevolazioni e bonus

Guarda il video tutorial su youtube bonus assunzioni

Agevolazioni Assunzioni 2017

Per l’anno 2017 non sono stati previsti sgravi contributivi per nuove assunzioni a tempo indeterminato come quelli introdotti nell’anno 2015 e 2016, ma comunque sussistono alcune importanti previsioni che possono agevolare i datori di lavoro, e che andiamo ad evidenziare di seguito.

 

GIOVANI giovani

  • APPRENDISTATO: Apprendisti di PRIMO LIVELLO – tali benefici comportano la disapplicazione del contributo di licenziamento, la riduzione dell’aliquota dei contributi dal 10% al 5% e il completo sgravio dei contributi per il finanziamento della Naspi e dello 0,30%;
  • ASSUNZIONI: Per le assunzioni effettuate nel 2017 e nel 2018 a tempo indeterminato, anche come apprendista, di studenti che hanno svolto nella stessa azienda attività di alternanza scuola/lavoro e che hanno acquisito entro sei mesi il titolo di studio può beneficiare dell’esonero del versamento dei contributi previdenziali per un massimo di 36 mesi e nel limite massimo di 3.250 euro annui;
  • BONUS GARANZIA GIOVANI: Per le assunzioni di giovani iscritti al programma Garanzia Giovani e di età compresa tra i 15 e i 29 anni, è previsto lo sgravio contributivo compreso tra 1.500 a 6.000 euro a lavoratore assunto per contratto di lavoro a tempo indeterminato o apprendistato, con riduzione del 50% nel caso di contratto di lavoro a tempo determinato. L’entità del Bonus dipende dalla classe di profilazione del lavoratore.

SUD SUD

Incentivo previsto per le imprese situate nelle Regioni svantaggiate del Mezzogiorno gestito dall’Inps, che rientra nel Programma Operativo Nazionale Sistemi di Politiche Attive per l’Occupazione. 

Viene riconosciuta la decontribuzione totale fino a 8.060 euro, in favore delle imprese del Sud Italia che assumono giovani tra i 15 e i 24 anni e over 25 disoccupati da almeno 6 mesi.

ALTRE CATEGORIE lavoratori

  • Lavoratori in CIGS e Naspi: agevolazioni per assunzioni di lavoratori in Cassa integrazione guadagni straordinaria da almeno 3 mesi e ai dipendenti di aziende beneficiare di CIGS da almeno 6 mesi – riduzione contributiva pari al 10% per 12 mesi e in un beneficio economico pari al 50% dell’indennità di mobilità spettante al lavoratore per 9 mesi (lavoratori fino a 50 anni), 21 mesi (lavoratori con più di 50 anni), 33 mesi (lavoratori con più di 50 anni residenti al Sud e nelle aree ad alto tasso di disoccupazione); per assunzioni a tempo pieno e indeterminato di lavoratori percettori di Naspi, il bonus assunzioni 2017 consiste in un incentivo economico pari al 20% dell’indennità mensile spettante di diritto al lavoratore per il periodo non goduto di Naspi;
  • Disabili: bonus per assunzioni di persone con riduzione accertata della capacità lavorativa
    • disabili con riduzione della capacità lavorativa tra il 67% e il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra: bonus assunzioni pari al 35% della retribuzione mensile lorda per 36 mesi;
    • disabili con riduzioni superiori al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra: bonus pari al 70% della retribuzione mensile lorda per un massimo di 36 mesi;
    • disabilità intellettiva e psichica che comporti una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%: per assunzione a tempo indeterminato o determinato di durata non inferiore a 12 mesi, bonus pari al 70% della retribuzione lorda mensile per una durata massima di 60 mesi.
  • Giovani genitori: bonus di 5.000 euro per le assunzioni o trasformazioni di giovani di età non superiore ai 35 anni, genitori di figli minori legittimi, naturali o adottivi o affidatari di minori.
  • Donne disoccupate: agevolazione che consente lo sgravio contributivo del 50% per 18 mesi per assunzioni a tempo indeterminato, o di 12 mesi per assunzioni a tempo determinato, di donne disoccupate da 24 mesi (o disoccupate da 6 mesi  nel caso di assunzioni in aree svantaggiate o in settori in cui la disparità occupazionale di genere è almeno del 25%).

Grazie per la lettura.

FLT