Sicurezza sul lavoro – Adempimenti per essere in regola

Guarda il video tutorial Sicurezza Lavoro su youtube Sicurezza sul lavoro Elmetto

La materia relativa alla sicurezza sul lavoro è in continua evoluzione, e le aziende di ogni settore sono chiamate al rispetto delle regole vigenti per assicurare la tutela dei propri lavoratori, ed evitare le pesanti sanzioni previste in caso di mancato rispetto.

Il riferimento normativo in tema di sicurezza sul lavoro è il Decreto legislativo n. 81 del 2008 e successive modifiche. L’obiettivo è quello di stabilire regole, procedure e misure preventive da adottare per rendere più sicuri i luoghi di lavoro, e di evitare o comunque ridurre al minimo l’esposizione dei lavoratori a rischi di infortuni, incidenti o malattie professionali legati all’attività e all’ambiente lavorativo.

La normativa si applica a tutte le aziende (comprese ditte individuali) con dipendenti, e alle società anche senza dipendenti, dato che il D. Lgs. 81/2008 definisce lavoratore la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione. Nel medesimo articolo viene precisato che al lavoratore così definito è equiparato il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell’ente stesso.

Sicurezza lavoro uomoAdempimenti

  • Redazione Documento Valutazione Rischi (DVR): E’ il documento con data certa posto a fondamento della normativa in tema di sicurezza, per fornire la valutazione di tutti i rischi per la sicurezza  e la salute riscontrabili nell’attività lavorativa, utile a identificare anche le misure di prevenzione e di protezione attuate o da attuare, le procedure per attuare le varie misure di sicurezza e i soggetti previsti dalla normativa;
  • Nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP): Può essere RSPP:
    • il datore di lavoro (con diploma di scuola superiore e tre anni di esperienza nel proprio settore lavorativo e corso con attestazione),
    • un dipendente a seguito di specifico corso riconosciuto e relativa attestazione,
    • un soggetto esterno che possiede i titoli adeguati. 
  • Nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): nomina comunicata all’Inail, per il responsabile degli aspetti relativi a salute e sicurezza durante il lavoro, a seguito di apposito corso e attestazione.
  • Formazione e Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza sul lavoro: mediante appositi corsi riconosciuti.Sicurezza lavoro incendio e chimico
  • Nomina e formazione squadra antincendio: Gruppo di lavoratori incaricati di attuare le misure di prevenzione nonché di adottare i provvedimenti necessari in caso di incendio, o di necessità di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato.
    Nelle aziende fino a 5 lavoratori, il datore di lavoro può assumere direttamente tale incarico dopo specifico corso di formazione.
  • Designazione e formazione addetti squadra primo soccorso: Squadra incaricata della gestione delle emergenze sanitarie.Nelle aziende fino a 5 lavoratori, il datore di lavoro può assumere direttamente tale incarico dopo specifico corso di formazione.
  • Nomina del medico competente: Obbligatoria nei casi in cui è obbligatoria la sorveglianza sanitaria. 

Sanzioni

Indichiamo di seguito alcune delle principali sanzioni previste in materia di sicurezza sul lavoro:

ADEMPIMENTO

SANZIONE

Omessa redazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da

2.500 a 6.400 €

Mancata nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da

2.500 a 6.400 €

Omessa informazione dei lavoratori Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da

1.200 a 5.200€

Omessa formazione dei lavoratori, dei preposti e del RLS Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da

1.200 a 5.200€

Omessa denuncia all’INAIL degli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro superiore a 3 giorni Sanzione amministrativa pecuniaria da

1.000 a 4.500 €

Omessa comunicazione all’INAIL dei nominativi del RSL Sanzione amministrativa pecuniaria da

50 a 300 €

Omessa fornitura di idonei Dispositivi di Protezione Individuale Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da

1.500 a 6.000€

Omessa nomina del medico competente (per aziende con sorveglianza sanitaria) Arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da

1.500 a 6.000€

 

Grazie per la lettura.

FLT